admin | diminuisci carattere ingrandisci carattere
Associazione Nazionale fra Pensionati ed Esodati della Banca Commerciale Italiana - ANPECOMIT
Comunicato n. 14 del 6.11.2011
pubblicato il 06/11/2011

Comunicato n. 14   del  6-11-2011
VERTENZE TRIBUTARIE
hot breitling bentley knock-off watches
=ZAINETTO 4%
=PENSIONE 4 + 12,50 %
 Convenzioni con studi legali per inoltro ricorsi alle Commissioni Tributarie Provinciali e Regionali
 
 
Care amiche  e cari amici,
con il presente Comunicato vogliamo fare il punto della situazione sulle vertenze di carattere tributario che la nostra Associazione ha finora promosso e coordinato e che hanno destato il favorevole interesse dei colleghi.
 
A seguito della rinuncia dell’avv. Iacoviello di Torino la Convenzione con tale studio non è più operativa. Naturalmente lo studio legale Iacoviello continuerà a seguire le vertenze già avviate in CPT e CTR  (e sulle stesse Vi preghiamo di tenerci informati) ma non ne acquisirà di nuove.   
 
Continua ad essere operativa la Convenzione con lo studio legale Palmeri di Milano mentre abbiamo stipulato una nuova Convenzione con lo studio legale Etna di Roma.
 
Tali convenzioni consentiranno a tutti i nostri iscritti di proporre ricorso, a condizioni agevolate, alle competenti Commissioni Tributarie Provinciali e/o Regionali, e come per tutte le convenzioni in essere non prevedono il ricorso in Cassazione; sull’opportunità e relativi costi ad accedere a tale ricorso si vedrà di volta in volta.
 
La Convenzioni interessano tutti coloro che, seguendo le indicazioni della nostra Associazione, inoltrarono a suo tempo (o inoltreranno nel caso del FAPA), alle Agenzie delle Entrate, l’istanza per ottenere la restituzione del “credito”, rivendicato  verso l’erario, per l’eccessiva tassazione applicata dal Fondo Pensioni Comit (o dal FAPA) allo zainetto (anni 2003 – 2004) oppure alla capitalizzazione della pensione (anni 2006 e 2007).
 
Il ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale potrà essere presentato nei seguenti casi:
-       quando si sia formato il cd. “silenzio rifiuto” e cioè siano trascorsi infruttuosamente 90 giorni dalla data della consegna del ricorso all’Agenzia delle Entrate ed in tale eventualità i termini per presentare il ricorso sono di 10 anni;
-       in caso di rigetto del ricorso, espressamente comunicato dall’Agenzia delle Entrate con lettera raccomandata o con notifica; in tale eventualità porre estrema attenzione al fatto che il ricorso va presentato, a pena di decadenza, entro max 60 giorni dalla comunicazione.
 
Sotto il profilo economico le suddette Convenzioni prevedono
superior breguet imitation
 
-        il riconoscimento allo studio legale prescelto in caso di vittoria definitiva di un compenso pari al 10% dell’importo effettivamente recuperato (+IVA e CPA) con diritto dello Studio legale alla distrazione a suo favore  delle spese eventualmente liquidate dal giudice;
 
-       per lo studio legale Etna di Roma il versamento di € 125,00  (comprensivo di IVA e CPA) a fronte spese di bollatura degli atti e deposito del ricorso in CTP e CTR; versamento non previsto per lo studio Palmeri di Milano che non procede al deposito dei ricorsi  in Commissione, a cui provvede direttamente il ricorrente;
 
-        ricordiamo che di recente, 13-8-2011, è stato introdotto l’obbligo di versare il “contributo unificato” a fronte il ricorso che si vuole proporre, per cifra proporzionata al valore dello stesso, (Es. per un ricorso tributario fino a € 5000 il C.U. è pari ad € 60, per un valore da € 5000 a € 25000 il C.U. è pari ad € 120). Sarà cura dell’avvocato Etna  chiedervi il versamento del C.U. (per le pratiche a Lei affidate). L’Avv. Palmeri ci ha fatto presente che al calcolo del C.U. ed al relativo versamento  devono  provvedere direttamente gli interessati secondo le modalità previste dalla legge (http://www.contributounificato.it/tributari.html).
 
-       il versamento a favore Anpecomit di un contributo di € 50,00
 
-       qualora sia necessario prestare patrocinio in eventuali udienze pubbliche presso Commissioni  Tributarie diverse da quelle di residenza dello studio legale prescelto, potrà essere  dovuto   un rimborso spese di max € 400,00 (ricordiamo al riguardo che per i ricorsi presso le Commissioni Tributarie le relative udienze possono avvenire o in “camera di consiglio”, nel qual caso non è prevista la presenza dei legali, ovvero in “pubbliche udienze”, nel qual caso, invece, è possibile, se richiesta, la presenza del legale).
 
Come noto stiamo seguendo ai fini statistici i vari temi e pertanto ricordiamo la necessità che tutti segnalino l’attuale esito   delle istanze alle Agenzie delle Entrate e dei ricorsi in essere e, nel caso di nuovi ricorsi,  l’attribuzione dell’incarico al legale prescelto, con comunicazione per lettera o per mail alla nostra segreteria ( anpec1@tiscali.it e pino.cortese@teletu.it ) inviando anche copia della relativa sentenza, allorchè pubblicata.  
 
Negli allegati trovate le “Istruzioni Operative” da seguire per l’inoltro dei ricorsi.
 
Un caro saluto a tutti.
 
Antonio Maria Masia
Roma 6-11-2011  
 
NB: sistemazione  di erronea indicazione sul precedente comunicato: 
indirizzo e-mail corretto: roberto.biancardi@intesasanpaolo.com e non roberto.biancardi@intesasanpolo.com
con l'occasione segnaliamo altro indirizzo e-mail utile: gaetano.genovese@intesasanpaolo.com




Istruzioni operative
[scarica file]
All. A
[scarica file]
All. AA
[scarica file]
All. B
[scarica file]
All. BB
[scarica file]
All. B1
[scarica file]
All. BB1
[scarica file]
All. C
[scarica file]
All. D
[scarica file]